A SERVIZIO DEL COMPITO FORMATIVO

2. I responsabili

A servizio di un carisma nelle persone

I responsabili, pur non coincidendo necessariamente con gli educatori e gli animatori, sono molto importanti in ordine al complesso delle proposte e delle attività formative dell’associazione.
Il loro compito specifico,sul piano formativo,è quello di curare che il carisma dell’AC venga vissuto nella sua autenticità
e che possa essere proposto e comunicato in modo vero alle persone e alla comunità.
Per assolvere alla responsabilità che l’associazione gli affida, riteniamo che il responsabile debba avere alcune caratteristiche:
• conosce e vive con convinzione il carisma dell’AC, e si impegna perché la sua associazione locale ne rifletta in concreto
l’ispirazione;
• è capace di tessere continui rapporti di comunione con tutti: con i pastori, con gli organismi pastorali, con la vita ecclesiale
entro cui l’AC vive. Fa trasparire sul territorio il valore di un’esperienza comunitaria come quella associativa, in quanto
realtà di servizio e di disponibile collaborazione ad ogni progetto positivo a favore delle persone e della comunità;
• è riferimento per l’unità interna dell’associazione: in essa contribuisce a costruire rapporti di comunicazione e di fraternità
che costituiscano il tessuto connettivo di una vera vita associativa;
• possiede un corretto senso dell’istituzione: pone attenzione a tutti gli aspetti concreti della vita associativa, senza sottovalutarli
e senza enfatizzarli, perché l’AC non si dissolva in un gruppo spontaneo, né si trasformi in un’esperienza formale o
burocratica dove l’aspetto esteriore prevalga sul resto;
• conosce il valore di comunione della scelta democratica e aiuta a viverla in modo alto, in tutto il suo significato.

La cura di tutta l’associazione

Il compito del responsabile è quello di prendersi cura di tutta la vita associativa: garantendo la qualità di essa, egli garantisce
la prima condizione della formazione. Infatti, dove non c’è una buona vita associativa, manca una delle opportunità formative essenziali. All’interno di questo compito globale, il responsabile, soprattutto il presidente parrocchiale, deve far
sì che tutte le persone e tutti i gruppi associativi abbiano educatori adeguati. Dove sia difficile reperire responsabili a
livello locale, è bene pensare a costruire una rete di disponibilità educative a livello interparrocchiale o di unità pastorale.
Il responsabile, inoltre, ha cura di suscitare vocazioni educative e di promuovere tutti quei luoghi collegiali, che
favoriscono il dialogo tra gli educatori e consentono un’azione educativa pensata e condivisa. Per questo, il consiglio
parrocchiale può istituire la figura dell’incaricato per la formazione.
A livello diocesano, questa figura è certamente necessaria: il suo compito specifico è quello di sostenere
l’azione degli educatori e di curare la realizzazione di iniziative per la loro specifica formazione.